OTTAVO INCONTRO

16 APRILE 2004

  1. Come preparare una "buona lezione"
  2. La lezione espositiva
  3. Didattica breve e lezione
  4. La lezione conferenza
  5. La costruzione delle unitΰ didattiche
  6. Tipologia delle unitΰ didattiche
  7. Come leggere un testo

PLATONE

Apologia di Socrate

[…]

XII (24 d - 25 c)

La prima difesa di Socrate

3. Mediante le sue domande a Meleto, Socrate si propone di ridurre all'assurdo l'accusa di Meleto.

L'assurdo puς essere espresso mediante l'opposizione di due proposizioni, entrambe sostenute da Meleto in risposta alle domande di Socrate.

Quali sono le due proposizioni?

a) .............................................................................................................................

b) ............................................................................................................................

4. Ti sembra conclusivo questo argomento? Perchι?

....................................................................................

XIII (25 c - 26 a)

La seconda difesa di Socrate

5. Di nuovo Socrate riduce all'assurdo l'accusa di Meleto.

In questo caso quali sono le due proposizioni opposte che Meleto sostiene?

a) .............................................................................................................................

b) .............................................................................................................................

6. Come valuti questo argomento?

7. Se Socrate corrompesse davvero i giovani, lo farebbe involontariamente, e non sarebbe quindi condannabile. Ritrovi qui un tipico tema socratico. Quale? Come lo puoi spiegare?

..................................................................................................................................

..................................................................................................................................

..................................................................................................................................

XIV-XV (26 b - 27 a)

La terza difesa di Socrate

8. Socrate trova un'altra contraddizione nelle accuse di Meleto. La puoi spiegare?

..................................................................................................................................

..................................................................................................................................

XVI-XVIII (27 a - 31 c)

9. Socrate sa che la sua vita θ in pericolo, ma non rinuncia a fare quello che ritiene giusto, anche se gli inimica gli Ateniesi.

E' coraggioso o temerario? Coerente con i suoi principi o irrazionalmente ostinato?

Si puς comprendere meglio la sua scelta se ci si richiama alla sua concezione:

- della vita

...............................................................................................................................

- della morte

................................................................................................................................

- della sua missione

.................................................................................................................................

- del bene

..................................................................................................................................

- del male

....................................................................................................................................................................

[…]

CARTESIO

Discorso sul metodo

All’inizio del Discorso sul metodo troviamo una definizione di "buon senso" o "ragione". La ragione θ

………………………………………………………………………………………………………………

Per Cartesio la ragione accomuna tutti gli uomini o li distingue l’uno dall’altro? Perchι?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Date le precedenti assunzioni, Cartesio si pone il seguente problema: se tutti gli uomini sono dotati di ragione, da dove derivano le diversitΰ di opinione e gli errori?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

E quale puς essere il rimedio?

………………………………………………………………………………………………………………………………

Come definisce Cartesio il metodo?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Quale rapporto c’θ tra metodo e progresso della conoscenza? Il progresso della conoscenza per Cartesio θ continuo o procede "a saldi", grazie a vere e proprie rivoluzioni scientifiche? Procede accumulando risultati dotati di veritΰ assoluta o ogni passo θ sempre rivedibile?

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

[…]

CESARE BECCARIA

Dei delitti e delle pene

[I fondamenti della filosofia politica di Beccaria: stato di natura, alienazione di diritti, stato sociale]

I. Origine delle pene

Per spiegare l’origine delle pene, Beccaria descrive l’origine della societΰ a partire dallo stato di natura.

  1. Lo stato di natura θ uno stato…
  2. Per uscire dallo stato di natura gli uomini alienano…
  3. Nella societΰ gli uomini conservano ancora dei diritti? Qual θ la differenza rispetto allo stato di natura?
  4. Che cos’θ la sovranitΰ di una nazione?
  5. Che cosa sono le leggi?
  6. A che cosa servono le pene?

II. Diritto di punire

  1. Da dove deriva il diritto di punire?
  2. Quando una pena θ ingiusta?

[Conseguenze dei principi enunciati]

III. Conseguenze

  1. Chi ha il diritto di decretare le pene? Perchι?
  2. Il sovrano ha un potere assoluto sugli individui o limitato? Perchι?
  3. L’atrocitΰ delle pene θ non solo inutile, ma contraria "alla giustizia ed alla natura del contratto sociale". Perchι?

IV. Interpretazione delle leggi

  1. Il giudice deve interpretare le leggi? Perchι?
  2. "In ogni delitto si deve fare dal giudice un sillogismo perfetto: la maggiore dev’essere la legge generale, la minore l’azione conforme o no alla legge, la conseguenza la libertΰ o la pena". Spiega quest’affermazione, eventualmente costruendo un esempio.
  1. Oscuritΰ delle leggi

In questo capitolo, che sviluppa i concetti precedenti, ricorrono alcuni temi caratteristici della critica illuministica. Puoi metterne in rilievo alcuni:

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

[…]

MARX ED ENGELS

Il Manifesto del partito comunista

Capitolo primo

Borghesi e proletari

[Riporta sotto ogni titolo la frase piω significativa che lo illustra]

  1. Concezione marxista della storia

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

2. Esempi che illustrano la concezione marxista della storia:

Roma antica …………………………………………………
Medioevo ………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Societΰ borghese moderna …………………………………………………
  1. Differenza tra l’epoca della borghesia e le epoche precedenti

    ……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

  2. Storia della formazione della societΰ borghese:

a) …………………………………………………………………………………………………

b) …………………………………………………………………………………………………

  1. …………………………………………………………………………………………………
  2. …………………………………………………………………………………………………

5. Storia politica della borghesia:

Etΰ feudale  
Etΰ delle monarchie assolute  
Stato rappresentativo moderno  

6. Definizione marxista dello Stato moderno:

…………………………………………………………………………………………………………

7. Encomio della borghesia:

…………………………………………………………………………………………………………

8. Perchι la borghesia θ agli occhi di Marx una classe rivoluzionaria?

  1. ……………………………………………………………………………………………
  2. ……………………………………………………………………………………………
  3. ……………………………………………………………………………………………
  4. ……………………………………………………………………………………………
  5. ……………………………………………………………………………………………

9. La causa delle rivoluzioni borghesi secondo Marx.

………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

10. Analoga all’etΰ delle rivoluzioni borghesi θ quella attuale, l’epoca delle rivoluzioni proletarie.

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

11. Fenomeno economico che dimostra che le forze produttive sono ormai in contraddizione con i rapporti di produzione borghesi:

………………………………………………………………

12. La borghesia ha sviluppato anche il soggetto che le toglierΰ il dominio:

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

13. La condizione del moderno proletariato:

  1. ……………………………………………………………………………………………
  2. ……………………………………………………………………………………………
  3. ……………………………………………………………………………………………

14. Estensione del proletariato

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

15. Organizzazione del proletariato

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

16. Evoluzione dell’organizzazione politica del proletariato

  1. ……………………………………………………………………………………………
  2. ……………………………………………………………………………………………

17. Utilitΰ delle lotte operaie

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

18. Ruolo della borghesia nell’educazione politica del proletariato:

  1. ……………………………………………………………………………………………
  2. ……………………………………………………………………………………………
  3. …………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

19. Futuro sviluppo della societΰ:

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

[…]