Spinoza e i movimenti riformisti del ‘500

 

Prerequisiti:

 

Per lo svolgimento dell’Unità Didattica è prevista la conoscenza, anche a grandi linee, degli eventi che hanno caratterizzato la storia religiosa europea del ‘500. Tale prerequisito è fondamentale al fine di rendere comprensibile l’eventuale continuità del concetto spinoziano del Divino con i principali movimenti riformisti.

 

Obiettivi:

 

L’UD vuole mostrare continuità e discontinuità dell’immagine spinoziana del Divino con i principali movimenti riformisti del ’500 cristiano, tentando di delineare uno sviluppo dell’immagine della Divinità che vede come punto d’arrivo l’immanenza della sostanza spinoziana.

L’esposizione attraverserà le seguenti tappe:

 

-           Erasmo

-           Lutero, Calvino e Zwingli

-           Giordano Bruno

 

Conoscenze:

 

-           Conoscenza delle linee teoriche dei principali movimenti riformisti del ‘500

-           Conoscenze delle dinamiche storiche riguardanti i movimenti in questione

-           Il loro rapporto con la Chiesa cattolica

 

Competenze:

 

-           Comprensione della continuità dell’immagine del Divino da Erasmo a Spinoza

-           Comprensione delle discontiunuità fra gli autori in questione

-           Comprensione della specificità del quadro teorico dei differenti autori

 

Durata:

 

1 ora.

 

Strumenti:

 

Appunti e libro di testo. L’UD può essere integrata con alcuni passi, scelti fra le opere dei diversi autori, in cui si propongono le rispettive immagini del Divino. Il poco tempo a disposizione ed il fatto che l’UD avesse solo funzione propedeutica rispetto alle successive due ore dedicate alla filosofia spinoziana, ha reso impraticabile tale esercizio.